Invisible AI

Invisible AI.

Il tema sta diventando caldo perché le applicazioni dell’intelligenza artificiale si stanno diffondendo senza regole e senza controlli. All’impresa promettono una tailorizzazione automatica dell’offerta, una maggiore empatia con i propri clienti, riduzione degli sprechi e produzioni sempre più on demand… un Sacro Graal pieno di opportunità, a costi sempre più ragionevoli.

L’intelligenza artificiale e il machine learning promettono all’umanità un futuro “semplificato” in cui la nostra esperienza di cittadini e consumatori sia resa più fluida e forse più interessante perché confinata nel perimetro dei nostri gusti, dei nostri stili di vita e delle nostre abitudini. Ma in tanti cominciano a metterci in guardia sul fatto che questa immagine-specchio di noi creata dai big data diventi una prigione che limita la nostra esperienza cognitiva e relazionale. Altri allarmi riguardano l’etica che ispira la creazione degli algoritmi, ad esempio per regolare selettivamente l’ammissione ad un ospedale. L’AI “riflette oggi i nostri pregiudizi e valori” dicono i ricercatori più attenti, che non escludono però la possibilità che il machine learning arrivi a costruire una propria, e autonoma, machine ethics. 


Abbiamo sempre temuto che le macchine possano sviluppare una propria forma di intelligenza potenzialmente ostile ai suoi creatori. Ma la limitazione progressiva e invisibile del nostro “libero arbitrio” è uno scenario per molti versi nuovo che non considereremo accettabile.

I SEGNALI FERTILI CHE ABBIAMO REGISTRATO

LE APPLICAZIONI DELL’AI NON CONTRASTINO I DIRITTI UMANI

Lo Human Rights Office delle Nazioni Unite, diretto dalla ex presidente cilena Michelle Bachelet, ha chiesto una moratoria internazionale sullo sviluppo delle applicazioni dell’AI per la seria minaccia che pongono ai diritti personali alla privacy, alla salute, all’educazione e alla libertà di espressione ed associazione.

KLARA E IL SOLE. UNA PROFONDA MEDITAZIONE

Si chiama Klara, la protagonista dell’ultimo romanzo del premio Nobel Kazuo Ishiguro, ed è un androide costruito per alleviare la solitudine degli adolescenti. Josie la vede in vetrina e la adotta. Klara cresce velocemente grazie all’AI e l’ingenuità di una bambina meccanica diventa saggezza, con una crescente “consapevolezza” della sua missione.

GOVERNARE GLI SVILUPPI DELL’AI PER LA SALUTE

L’OMS, pur riconoscendo quanto “promettenti” siano le applicazioni dell’AI in particolare nella diagnostica e nel trattamento delle malattie, indica con chiarezza l’importanza di mettere l’etica e la questione dei diritti al centro della progettazione suggerendo sei principi guida da seguire. 

Frontiere affollate 

Nascerà a Barcellona l’hub di ricerca sulla AI di Microsoft con l’obiettivo di lavorare ad ampio spettro sul miglioramento della nostra web experience e attrarre i migliori ricercatori europei. 

Secondo Color Star la creazione dei nostri avatar destinati a compiere una infinità di azioni in universi paralleli ( metaverse), dalla negoziazione di un contratto alla scelta di un paio di scarpe in un negozio virtuale, sarà sempre più sofisticata grazie all’AI che incorporerà nel nostro character digitale la nostra reale personalità (o quella che vorremo inventarci). 

Un Gruppo di ricercatori dell’Università di Warwick (UK) ha sviluppato soluzioni basate sull’AI per aiutare da remoto la riabilitazione fisiatrica e sta lavorando alla creazione di un riabilitatore virtuale che possa accompagnare i pazienti nei loro esercizi. 

L’offerta di Indigo.ai si amplia con due nuovi servizi: alla piattaforma per la progettazione e creazione di assistenti virtuali e chatbot (“Build”) si aggiungono l’analisi e potenziamento degli assistenti già utilizzati dai brand (“Scale”) e l’analisi dei dati e delle conversazioni (“Analyse”). L’obiettivo è contrastare la rapida “obsolescenza” degli assistenti virtuali. 

Anche nel manufacturing i sistemi di controllo visivo della produzione basati sulla AI, come la piattaforma Qualitas EagleEye® annunciata da India Qualitas Technology promettono salti quantici, in termini di velocità e precisione, ad esempio nella identificazioni dei difetti superficiali o nelle verifiche di correttezza degli assemblaggi.

Resta aggiornato

Entra in Baby Future, the makers’ club

Non costa nulla, ti darà tanto

Rapporti riservati

L’analisi semestrale dei segnali fertili raccolti e interpretati dai contributori di Baby Future

I nostri incontri

Webinar ed eventi con subject matter expert che vale la pena ascoltare

Riflessioni e condivisioni

Pillole video sui temi più caldi del momento

Help on demand

La directory degli esperti e dei contributori di Baby Future




(Visited 52 times, 1 visits today)