Hypersharing

Hypersharing, il mondo a noleggio. 

Molti se ne sono accorti, i player di car sharing innanzitutto; molti stanno investendo, come Decathlon che sul rent sta costruendo un’azienda dentro un’azienda; alcuni stanno correndo ai ripari, ad esempio offrendo il noleggio della tuta insieme a quello di sci e scarponi. Altri si chiedono dove abbiano sbagliato, come i noleggiatori di biciclette cinesi ammucchiate a milioni in discariche vicino alle città che avrebbero dovuto liberare dalle emissioni inquinanti.

Le pratiche di condivisione stanno crescendo in rapida progressione e se l’innesco è stato la convenienza economica, gli acceleratori sono stati la web economy e l’affermarsi di una cultura della sostenibilità che guarda al valore d’uso e rinuncia volentieri al possesso. 

La  “Sharing Economy” non è però solo business e mercato e cresce perché la condivisione diventa un veicolo di socializzazione delle comunità soprattutto urbane, una pratica virtuosa di valorizzazione delle competenze e degli asset che contribuisce a creare reti sociali che si spingono fino alla coproduzione e alla invenzione di nuovi servizi in autogestione. 

 

La sharing economy è una conseguenza, non l’origine, della emergente cultura della condivisione e la domanda di prodotti e servizi potrebbe significativamente ridursi con il ritorno di pratiche di scambio e di vita più solidali.

I SEGNALI FERTILI CHE ABBIAMO REGISTRATO

GLI ALBERGHI ACCOR DIVENTANO UFFICI. ANCHE IN VACANZA

Il concept degli “hybrid hotels” è appena nato e uno dei primi player a muoversi è stata Accor che con il programma WOJO punta a diventare leader mondiale nell’offerta di coworking con oltre 900 location alla fine del 2023. Ma il WFH (Working from Hotel) comprende anche la possibilità di coniugare lavoro in remoto e vacanze in modo nuovo.

STRUTTURE PRODUTTIVE IN CONDIVISIONE

AIR-CNC sta costruendo un “mercato digitale” per valorizzare quel 23% di capacità produttiva inutilizzata delle imprese italiane e offrire alle PMI la possibilità di produrre on demand e a costi ragionevoli (con commissioni applicate solo sulle commesse effettivamente affidate). 700 i clienti acquisiti in pochi mesi.

URBAN FARMING. IL CONDOMINIO E LA VERDURA A KM ZERO

Culture idroponiche sui tetti dei condomini e orti verticali condivisi per contribuire con l’autoproduzione alla riduzione dei costi della vita e dell’impatto ambientale legato alla produzione di cibo? La tecnologia è pronta, il progetto è in start-up. La prima città ospite potrebbe essere Milano.

Condividere tutto

Avete una canoa in garage che prende polvere? Se vivete negli Stati Uniti in pochi minuti potreste offrirla in affitto on line senza commissioni su Rentnotbuy.com il sito minimalista creato da due esperti escursionisti semplicemente stufi di dover comprare cose che si utilizzano poco. E se invece cercate di affittare una tenda per la vostra estate potete andare su Neverbuy.com  per trovarla. Preferite sciare? La società  Ski-Chic noleggia in Francia tutto l’abbigliamento che vi serve e consegna anche a domicilio o presso l’hotel in cui soggiornate.  

Serata di gala a New York? Affittate i gioelli da Flont (anche di Bulgari o Cartier), borse e accessori da Vivrelle e il vestito da Rent the Runway. Se invece dovete andare ad un matrimonio a Londra potreste provare il nuovissimo servizio di fashion rental di Harrods.

Se la vostra vita non è così glam e adorate il bing watching delle migliori serie TV  nel salotto di casa vostra potreste ridurre significativamente il costo dell’abbonamento in streaming condividendolo con altri amici o conoscenti grazie alle piattaforma Together Price, che in due anni dichiara di avere raggiunto 1 milione di utenti, o con la nuovissima Diveedi. Attenzione: non si condivide solo TV e musica in streaming, ma anche software, antivirus, gaming e molto altro.

 

In sintesi: se sapete far bene i conti, e stabilire prezzi attraenti che garantiscano ammortamenti rapidi, avete una chance di entrare nel mercato rental. I fattori critici di successo sono solo due: un costo basso di customer acquisition e un servizio eccellente.

Resta aggiornato

Entra in Baby Future, the makers’ club

Non costa nulla, ti darà tanto

Rapporti riservati

L’analisi semestrale dei segnali fertili raccolti e interpretati dai contributori di Baby Future

I nostri incontri

Webinar ed eventi con subject matter expert che vale la pena ascoltare

Riflessioni e condivisioni

Pillole video sui temi più caldi del momento

Help on demand

La directory degli esperti e dei contributori di Baby Future




(Visited 66 times, 1 visits today)